Premessa

QUESTO BLOG E’ PER MOLTI MA NON PER TUTTI…

Illustri professori universitari, ricercatori, direttori ed esponenti di associazioni, responsabili tecnici e/o commerciali, titolari di imprese o aziende, produttori, installatori e sviluppatori software ed altri “esperti che lavorano nel settore della domotica”, molto probabilmente SARANNO IN PIENO DISACCORDO con la maggior parte dei contenuti presenti nei diversi articoli. Ma è giusto così… sono fatti apposta! : )

LEGGI DI +

La domotica fa schifo!

blog domotica benvenutoNon voglio certo iniziare un blog sulla domotica con una banale definizione presa dall’enciclopedia piuttosto che con qualsiasi altra frase che puoi sicuramente leggere su libri, siti internet, forum e community di appassionati come ad esempio che:

1) deriva dal termine blablabla…;
2) serve per gestire l’illuminazione e la temperatura di casa ovunque ti trovi;
3) è utile per simulare la presenza di qualcuno dentro casa per dissuadere ladri e malintenzionati lasciandoli fuori dalla proprietà;
4) permette al frigorifero di far fare la spesa al tuo posto o peggio ancora che puoi accendere il forno dall’ufficio. Se vuoi aggiungo il fatto che appena apri la porta, una voce sintetizzata ti dice “a tavolaaaa!”

Beh… come puoi avere già intuito, e se non lo hai fatto, sarò esplicito e cristallino, per me… SONO TUTTE CAZZATE!

LEGGI DI +

Una vera Smart Home

vera smart homeUna vera Smart Home? Vuoi davvero sapere com’è fatta e come funziona?

Quando sarà finita e ci abiterai dentro, ti cambierà la vita, ma questo forse lo sai già…

Non sto certo parlando di stress, paura di premere il tasto sbagliato o problemi dovuti a comandi non coordinati inviati dai KIT o da altri dispositivi DIY come già ampiamente commentato in questo articolo. No, abitare in una vera Smart Home non è come avere la “casa domotica”. A degli occhi inesperti il concetto può sembrare simile, a volte identico, ma ti garantisco che non è così.

Sai come riconoscere una vera Smart Home?

LEGGI DI +

Una smart home può parcheggiare da sola?

Nessuna battuta spiritosa o discriminazioni sessiste contro lo stile di guida delle donne. Come al solito, troverai dei punti di vista differenti per fare delle serie riflessioni rispetto a quello che normalmente leggi in rete sulle “Smart Home”.

Anche se a breve assisterai ad uno scontro (confronto) diretto tra auto e case tecnologiche, due cose che potrebbero non sembrare interessanti per il gentil sesso, il target più adeguato per questo articolo sono proprio loro: le donne.

Perchè? Perchè sono quelle più attente alle esigenze della casa! Non sarebbe certo la prima volta che una di loro scarica la guida gratuita per sapere come fare un impianto domotico o una smart home! Quindi, se sei una “femminuccia”, ti invito a leggere l’articolo fino in fondo! : )

LEGGI DI +

KIT per Smart Home

kit smart homeOggi e sempre più spesso si legge su blog e riviste, il termine Smart Home. Tutti ne parlano e molti la vogliono tanto da indurre le aziende a creare degli “specchietti per le allodole” proponendo i loro “classici” dispositivi per rendere “smart” le abitazioni.

Generalmente sono kit plug & play composti da un numero limitato di dispositivi in grado di fare alcune cose (poche). Nella peggiore delle ipotesi sono video con istruzioni passo passo di pazzi egocentrici che postano i loro video fai-da-te (DIY ovvero Do It Yourself) mettendo insieme cozzaglie di cose improbabili come faceva il mitico MacGyver nell’omonima serie televisiva degli anni ’80.

La cosa sembra proprio ricalcare il problema della domotica già descritto in questo articolo.

LEGGI DI +

System Integrator: una fumosa ed ambigua figura

system integratorDal 2010 la domotica ha fatto un enorme balzo in avanti aumentando la sua popolarità anche tra gli utenti meno tecnici.

Il mercato globale e le nuove tecnologie hanno spinto, domotici e non, ad inventarsi un nuovo lavoro per poter emergere dalla massa.

Così, oltre agli “addetti ai lavori”, ovvero progettisti ed installatori, molte altre persone hanno lasciato la propria professione per entrare nel mondo della domotica.

E’ così che nasce la figura del System Integrator. Un nome in inglese che fa “molto figo” e riempie la bocca di “saggezza”! Tutto discutibile ovviamente…

Ma chi sono veramente e qual’è il loro ruolo nella domotica o nelle smart home?

LEGGI DI +

Interfaccia grafica. Planimetrie o semplici bottoni?

interfaccia graficaLa parte visuale che mette in comunicazione gli utenti con il sistema di supervisione è l’interfaccia grafica. E’ forse la parte fondamentale di tutto l’impianto domotico perchè senza questa, l’utilizzatore, non potrebbe interagire con gli impianti ed i sistemi presenti nell’abitazione.

In molti dispositivi ci sono preinstallati gli elementi per poterla costruire da zero, in altri, dei modelli da modificare. In altri ancora invece, non c’è assolutamente niente. E’ come avere un foglio bianco in cui va fatto tutto manualmente.

In funzione del sistema di supervisione installato si può scegliere (o meno) se configurare l’interfaccia grafica con delle planimetrie oppure dei semplici tasti. Questi tasti sono spesso chiamati anche bottoni ed oltre al testo possono contenere anche delle icone grafiche.

Certo le planimetrie sono molto accattivanti e molte società che si occupano di integrare i sistemi ne realizzano veramente di belle… Ovviamente sono tutte personalizzate in funzione del progetto che si sta realizzando, ma sono veramente comode da utilizzare? E sugli schermi più piccoli come si “comportano”?

LEGGI DI +

Leggenda #13 – Privacy (dei dati o delle persone?)

privacy domoticaPer aumentare il discorso della privacy o della sicurezza visto nella leggenda #12, molti si chiedono se i propri dati di accesso siano conservati in modo sicuro. C’è qualche rischio nel controllare il proprio impianto da remoto?

La tipica domanda di un Committente è: “meglio avere una gestione locale oppure nel cloud?”

La scelta non è così ovvia, anzi, nella maggior parte dei casi non è possibile farla! Esatto, non puoi scegliere se inserire i tuoi dati personali in un dispositivo dentro casa, nel “cloud” oppure in un server centralizzato di qualche azienda.

Immagino che ti starai chiedendo il perché e come al solito ti darò la risposta, ma prima ti spiego quali possibilità ci sono.

LEGGI DI +

Leggenda #12 – Con internet qualcuno potrebbe entrarmi in casa

ladro attraverso internetCredi davvero che qualcuno voglia entrare in casa tua attraverso internet? Ma per fare cosa?

Accendere le luci anche di giorno per aumentare il consumo di energia e farti lievitare il costo della fattura? Alzare la musica a tutto volume mentre sei al telefono con un importantissimo cliente e stai discutendo di un business milionario?

Ti riferisci al fatto che qualcuno potrebbe spiare il codice del tuo sistema di allarme per disinserirlo di notte e derubarti dei tuoi averi? Forse è questa la questione per cui sei maggiormente preoccupato…

Purtroppo la domotica e soprattutto internet fanno parte dell’era digitale in cui viviamo. Da questo punto di vista non ci sono molte possibilità di scelta.

LEGGI DI +

Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio!

Sempre più spesso si sente parlare di Domotica, Smart Home, IoT e cose simili. Il fascino della tecnologia sta diventando sempre più contagioso tanto da attirare molte persone senza scrupoli per ricavarne un facile guadagno sulle spalle degli altri.

Oltre a video ed immagini discutibilmente simpatiche, i social network sono la fonte primaria di notizie farlocche. Molte sono alimentate da cialtroni ma purtroppo ci sono anche molti “presunti professionisti” che divulgano notizie false solo per pubblicizzare il loro “lavoro”. In questo modo possono “catturare” persone innocenti.

Secondo te, lo fanno solo per una questione economica oppure perchè sono proprio dei pecoroni?

Molte aziende, commerciali e non, e gruppi di persone che hanno passioni o interessi comuni, si riuniscono in associazioni con lo scopo di attirare persone. Ovviamente la quota di iscrizione è a pagamento. Partecipando a serate enogastronomiche, vengono anche rilasciati certificati, attestati o “diplomi” che dovrebbero dimostrare la loro competenza in qualche cosa. Il marketing da questo punto di vista è micidiale.

LEGGI DI +